giovedì 19 settembre 2019

Beyond Skyline

beyond skyline recensione
Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Questo film è, fondamentalmente, una tamarrata.

E' il sequel di un film del 2010 che, seppur dimenticabile, aveva qualcosa qua e là di carino che mi permette di ricordarne ancora qualche scena sebbene lo abbia visto già parecchi anni fa. Si trattava di una produzione semi-indipendente, costata 10 milioni di dollari, pochi per un moderno film di fantascienza (e infatti era girato quasi tutto in interni, ma i pochi effetti speciali erano ben fatti), un thriller fantascientifico d'assedio con delle belle soluzioni visive. Niente di che, ma nemmeno del tutto da buttare. Incassò 21 milioni negli Stati Uniti, ma con gli incassi internazionali si arrivò a 66, il che ne fa un gran colpo.
Grazie al successo all'estero, sette anni dopo i registi del primo film, i fratelli Strause, specializzati in effetti speciali (2012, Avatar, The Avengers...), producono questo sequel affidando la regia a Liam O'Donnell, sceneggiatore del primo film, così sconosciuto da non avere nemmeno una pagina su Wikipedia (né in italiano né in inglese).

lunedì 16 settembre 2019

Eternal War: vita nova, di Livio Gambarini

eternal war vita nova Livio Gambarini recensione
Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Forse ricorderete che in questo articolo ho parlato in toni entusiastici del primo romanzo del ciclo di Eternal War: Gli eserciti dei santi.

Il primo libro era compiuto, nel senso che rimanevano aperte delle questioni ma poteva essere anche letto come libro a sé stante. In quanto seguito diretto, Vita Nova presuppone che si sia letto il precedente, per questo avrei preferito che ci fosse ad inizio libro un riassunto del primo romanzo, che ho letto tempo fa (nel 2016, dice il mio blog) e che quindi era piuttosto sbiadito nella mia memoria. Ci ho messo quindi un po' a entrare nel vivo della narrazione, mentre i fili della memoria lentamente si riannodavano. Una volta superato questo effetto straniante iniziale, ho comunque potuto apprezzare pienamente le nuove vicende in cui sono coinvolti Guido Cavalcanti e l'ancestrarca della sua famiglia, Kabal. Più Dante Alighieri, al quale Guido decide di fare da mentore, dopo aver scoperto che anche lui è un "doppia anima". E poi San Pietro che vuole mettere becco nell'elezione del nuovo papa, Kabal investito di una missione della quale avrebbe fatto volentieri a meno che lo manterrà suo malgrado lontano da Firenze e dai Cavalcanti, Guido che viene investito del potere della veggenza con il quale può interagire con il mondo immateriale delle Lande, e poi Amore, quel bastardo... e un mucchio di altri spunti interessanti.

mercoledì 11 settembre 2019

Nuova fanfiction, questa volta a bivi: Supermike contro il Tessitore!

Risultati immagini per supermike
Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Altre volte mi sono cimentato con delle fanfiction, e per la precisione:
Attento Trinità... Arrivani i vampiri!, con protagonisti Trinità e Bambino.
La valle nascosta, con protagonisti Tex Willer e Zagor
Una notte a New York, con protagonista Supermike, dalle pagine di Zagor.

Una notte a New York fu per me un esperimento particolare: ogni settimana rilasciavo un nuovo capitolo sui gruppi Facebook "Zagor" e "Mike Gordon alias SUPERMIKE" mettendo alla fine la possibilità di scegliere tra due o tre modi di continuare la storia. A seconda della scelta della maggioranza scrivevo il capitolo successivo, e così via.
Una storia a bivi "in diretta", dove la trama prendeva la direzione scelta dalla maggioranza.
Questa volta invece ho deciso di provare una storia a bivi vera e propria. Qui, ogni lettore potrà decidere per conto suo come andare avanti.
L'ho scritta utilizzando il tool gratuito TWINE2, che mi ha permesso di inserire anche un paio di mini-giochi e un sistema di "allineamento": a seconda che le scelte del personaggio tendano più verso il male o più verso il bene si aprono diverse strade e diversi finali. I finali disponibili sono sei, ma i modi per arrivarci sono decisamente di più.
Purtroppo ho scoperto solo quando la storia era ormai quasi finita che Twine 2 non consente di inserire immagini (o meglio, un metodo c'è ma non vengono comunque bene) per cui vi trovate la storia "nuda e cruda" senza copertina né altro (anche la copertina che vedete qui sopra è della fanfiction precedente). Potrei anche pensare di riconvertirla con Twine 1, che invece consente l'inserimento di immagini, se dovessi decidere che ne vale la pena.

E' la mia prima esperienza con una storia a bivi, perciò siate clementi. E' possibile che ci sia ancora qualcosa da limare, tipo la quantità di "punti allineamento" da assegnare a inizio gioco (perché è sia una lettura che un gioco). C'è già stata una prima fase di test, perciò adesso la condivido per tutti, invitandovi comunque a segnalare eventuali problemi o bug che dovreste rilevare. Qualsiasi suggerimento sarà utile per migliorare per la prossima!

Potete scaricare il file html qui,
oppure
cliccare qui per giocare direttamente nella finestra del browser.
In entrambi i casi è possibile salvare la partita, le istruzioni le trovate all'interno.


Il Moro

giovedì 5 settembre 2019

Tutti i videogiochi di Rambo!



Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Il post di oggi non lo trovate qui.
In occasione del blogtour lanciato dal Zinefilo per l'uscita del nuovo film di Rambo, il mio articolo su tutti i videogiochi con protagonista il nerboruto eroe interpretato al cinema da Sylvester Stallone compare come "guest post" sul blog del Zinefilo!
Per la precisione lo trovate a questo link!


Il Moro

domenica 1 settembre 2019

Zagor Le Origini 4: Furore!

zagor le origini 4 furore recensioneSalve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Credo di aver già riassunto tutto quello che c'era da dire su questa miniserie nel primo articolo. Anche qui posso riconfermare ogni cosa detta in quell'occasione, quindi eviterò di ripetermi.

Un po' più interessante del numero precedente dal punto di vista della storia, perde invece da quello di colori e disegni, che sembrano diventare sempre meno belli man mano che si va avanti. Maurizio di Vincenzo e Valerio Piccioni, già disegnatori del primo numero della miniserie (e alla loro esordio in Zagor, come tutti i disegnatori impegnati in Le Origini tranne Oskar, che ha disegnato anche un numero di Cico a spasso nel tempo) danno qui una prova decisamente meno convincente, come se avessero dovuto lavorare più in fretta per rispettare le scadenze.
Riescono comunque a realizzare una spettacolare sequenza di azione furiosa, che tiene fede al titolo dell'albo, tratteggiando alla perfezione uno Zagor inarrestabile, una vera macchina di morte efficente, agilissima e terribile, contrapposta all'approccio visto nell'originale Zagor Racconta, dove Patrick Wilding preferiva un approccio più "stealth".

sabato 31 agosto 2019

I lupi mannari nei videogiochi


Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Lucius Etruscus ha appena finito di pubblicare su uno dei suoi mille blog un ciclo di articoli su una terrificante saga cinematografica, la saga di The Howling, terrificante non perché faccia paura ma perché è composta di film così brutti che nessuno riesce a credere che siano stati davvero spesi dei soldi per realizzarli (con l'esclusione del primo film della saga, The Howling (L'ululato), di Joe Dante).
Memore delle passate collaborazioni con tutti i videogiochi di Nightmare, Michael Myers, Venerdì 13, Battlestar Galactica, Hellraiser, Lucius mi ha contattato per chiedermi se esistono giochi dedicati alla saga di The Howling. Purtroppo, o per fortuna, non ho trovato nulla del genere, nemmeno per il solo primo film che all'epoca fu un successo.
Mi è venuto però in mente che i videogiochi dedicati ai lupi mannari in generale sono pochi, e che quindi ci sta bene un post dedicato a loro.
I lupi mannari compaiono a volte come nemici minori, o fanno parte della solita ammucchiata di mostri classici insieme a vampiri e zombi, ma ho deciso di tralasciare i giochi in cui siano nient'altro che mere comparse. Mi concentrerò qui sui videogiochi in cui i licantropi abbiano un'importanza evidente nella trama, o siano addirittura protagonisti (ma vedrete che comunque alcuni ho dovuto tirarli per i capelli per non avere un post troppo corto...).
Questa non vuole essere una classifica ma un semplice elenco ragionato, in ordine di data di uscita. Se li conoscete, ditemi voi qual è il migliore (o il peggiore)!

mercoledì 14 agosto 2019

The Boys, di Garth Ennis

The Boys fumetto recensione
Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

So che è uscita una serie TV tratta da questo fumetto, ma non l'ho vista, e francamente non ne ho nemmeno tutta questa voglia.
Mi va invece di parlare del fumetto, che ho letto per intero e che comincia bene, ma...
MA andiamo con ordine.

The Boys nasce nel 2006 dalla penna di Garth Ennis e dalle matite di Darick Robertson (affiancato più avanti da altri disegnatori). Per un po' la serie venne pubblicata dalla Wildstorm, etichetta della DC Comics, poi quando qualcuno si è accorto che andava a prendere un po' troppo di mira i supereroi, rappresentati in modo negativissimo, e oltretutto i principali supereroi che compaiono sono una evidente rivisitazione della Justice League, l'hanno fatta fuori. La serie però ha trovato una prosecuzione con la Dynamite, che ha continuato a pubblicarla fino all'ultimo numero, il 72esimo.

lunedì 12 agosto 2019

Scegli un nuovo volto, di Roger Zelazny

roger zelazny scegli un nuovo voltoSalve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Questo articolo sarà breve, e per buona parte di esso il discorso verterà  su qualcosa di diverso dall'oggetto del titolo. Perché? Semplice: è impossibile dire mezza parola su questo romanzo senza spoilerare.

Non fatico a mettere Roger Zelazny tra i miei autori preferiti. I suoi libri mi sono piaciuti praticamente tutti (qualcuno più, qualcuno meno, ad esempio il suo ciclo fantasy più importante, Nove principi in Ambra, non mi ha fatto impazzire). Zelazny è un maestro del romanzo breve o comunque non troppo lungo, quello che sta bene in edizioni tascabili come Urania o, nel caso di questo libro, Fantapocket. I suoi libri si leggono in fretta, sia per la loro brevità sia per quanto sono in grado di appassionare il lettore, eppure sono in grado di lasciare un'impressione permanente.
Molte volte sarà solo un'impressione, perché le sue trame sono spesso troppo arzigogolate, bizzarre, difficili da mantenere impresse nella memoria; ma l'impressione, quella di aver letto un buon libro, rimane eccome.
La religione è spesso al centro dei suoi romanzi. E' arrivato a dedicare molti romanzi diversi a diversi pantheon di divinità. Se vi interessa, il mio preferito tra i suoi romanzi è Creature della luce e delle tenebre, incentrato sugli dei egizi.
Ma questa divagazione non serve a nulla se non ad allungare il brodo, visto che questo non è uno di quei romanzi a tema religioso.

mercoledì 7 agosto 2019

Zagor Le Origini 3: Il Demone Cannibale, e Zagor che va a p...

Zagor Le Origini 3: Il Demone Cannibale recensioneSalve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Trovate gli articoli relativi ai primi due numeri di questa miniserie qui e qui.

Purtroppo, devo dire che il terzo non è all'altezza dei precedenti. Si tratta in pratica di un remake dello speciale n.7, La leggenda di Wandering Fitzy, che è uscito qualcosa come 24 anni fa e che non rileggo da almeno metà di quel tempo. Non sono andato a rileggermelo apposta, per non rovinarmi la lettura di questo, ma l'ho sfogliato una volta finito questo, per fare un po' di confronto. In pratica, è un riassunto della stessa storia, con metà delle pagine. Ovvio che non può essere la stessa cosa, nonostante il valore aggiunto del colore e della gabbia libera. Oltre ad essere, comunque una storia già scritta e già letta. La rivelazione del segreto di Fitzy quindi non ha presa sui lettori di vecchia data che lo conoscevano già, e ne ha poca sui nuovi lettori, visto che la vicenda si sviluppa, semplicemente, in troppo poche pagine per dare al tutto il giusto pathos. Forse sarebbe stato meglio eliminare del tutto il personaggio del "cannibale", la cui importanza ai fini della trama è qui piuttosto misera, a differenza che nell'originale.

Ha fatto un certo scalpore tra gli appassionati la scena in cui Patrick Wilding va con una prostituta (lui comunque non sapeva che lo fosse, e oltretutto lei ha il viso di Scarlet Johansson, chiamalo scemo). Scena che è praticamente l'unica a non essere presente nel volume di cui questo è il remake. Sui gruppi Facebook ho letto post e commenti di gente indignata, che riteneva che il personaggio fosse stato "tradito" e che si sentivano offesi quasi personalmente.
In risposta a queste polemiche, proviamo a fare un riassunto delle avventure sentimentali/sessuali di Zagor. Sarà breve.

giovedì 1 agosto 2019

Speciale Eternal Champions: spin-off e fumetti e librogame

Eternal Champions Larcen Merchandising
Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Questa è la terza e ultima parte dello speciale su Eternal Champions. Qui trovate l'articolo sul primo episodio della saga, e qui quello sul secondo.

La saga principale di Eternal Champions è così terminata, ma i suoi protagonisti hanno ancora qualcosa da dire.

E no, non sto parlando dei bicchieri di frullato con le immagini dei personaggi acquistabili all'epoca da 7-eleven.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
;