mercoledì 5 settembre 2018

Come costruire un orologio di Zagor

Orologio Zagor
 Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Mi piaceva l'idea di mettere nella stanza di mio figlio qualcosa di "zagoriano" però non ho trovato un bel poster, e pensando al simbolo dell'eroe mi è subito venuto in mente un orologio. Ho cercato in rete, ma un orologio del genere non  esiste. E quindi, visto che io sono uno che mica si arrende così facilmente, ho deciso di costruirmelo da solo. Tiè, alla faccia del Bonelli Store.

Si inizia con la scelta dei materiali.

Il meccanismo dell'orologio l'ho comprato su Ebay da un rivenditore cinese. Ci ha messo quasi un mese ad arrivare, comunque l'ho pagato un euro e mezzo. Lo stesso meccanismo (proprio lo stesso, identico) lo trovate a quattro o cinque euro da rivenditori più vicini e che non vi facciano disperare per l'attesa. Io ne ho scelto uno con le lancette rosse per armonizzare con lo sfondo.


Qualsiasi negozio di ferramenta e fai-da-te abbastanza grande, tipo Brico o Self, ha una sezione falegnameria in cui vi possono tagliare dei pannelli di legno su misura, in alternativa potete rivolgervi a qualsiasi falegname. Suggerisco un pannello di compensato di spessore 3 mm. Io l'ho preso di quattro ma erano troppi per il meccanismo dell'orologio, ho dovuto scavarlo un po' sul retro con un taglierino. Per le misure, io ho scelto 40x40 cm. Rotondo è difficile che ve lo taglino in un Brico, ma quadrato è carino. Non ricordo quanto l'ho pagato, ma mi sembra sui tre o quattro euro.

E ora, i colori. I colori che servono sono: nero, giallo, rosso scuro, e bianco per la base.
Per essere sicuro di usare i colori giusti, perché quando ho voglia sono un perfezionista, ho fatto nel modo arzigogolato che, se volete, vi spiego qui di seguito; altrimenti limitatevi a saltare al paragrafo successivo.

Scarico da internet un'immagine tipo questa:

orologio di zagor

e la do in pasto a un programma di grafica, non necessariamente Photoshop, io uso Paint.net che è gratuito, volendo anche in versione portable che non richiede installazione. Seleziono lo strumento "preleva colore", clicco prima sul rosso e poi sul giallo e prendo nota del codice esadecimale del colore che esce nella finestrella "colori->avanzate". Si può fare anche con il classico Paint, ma il procedimento è più lungo perché Paint non vi tira fuori l'esadecimale e bisogna calcolarselo come spiegato a questo link.
Comunque sia, il rosso della casacca di Zagor è di colore E3001B, il giallo è FFEC01. Non credo che la scelta dei colori in Bonelli sia così precisa, e il risultato cambierebbe ad esempio in una scena in cui Zagor è all'ombra, ma è giusto per avere un'idea.
Una volta ottenuti gli esadecimali vado su un sito come questo e inserisco il codice, e lui mi dice come si chiama il colore. Il rosso della casacca di Zagor è rosso scuro, il giallo è semplicemente giallo. Evviva, ho scoperto l'acqua calda. Comunque così se dovete comprare i colori in ferramenta siete sicuri di cosa chiedere. Per il nero non c'è bisogno di stare lì a diventare matti, è nero. E vi servirà anche del bianco per la base., come dicevamo

Ora iniziamo a fare sul serio.

Cercate il centro del vostro pannello. Basta tirare con qualcosa di abbastanza dritto e abbastanza lungo (niente battute) due righe diagonali con la matita da un angolo all'altro. Fate un buco con un trapano abbastanza grande per il meccanismo dell'orologio, ma non troppo grande o ballerà. Io ho misurato con un calibro, ma potete anche partire con una punta piccola ed eventualmente allargare con punte man mano più grandi.

A questo punto, ci sono due modi per proseguire: quello giusto, e quello che ho usato io.

Metodo Giusto:
acquistate dei colori (smalti) in bombolette. Costano di più (per le bombolette partono da cinque o sei euro ciascuna) e se ne spreca un mucchio, ma il risultato è molto più uniforme, senza segni di pennellate, e più lucido.
Poi preparate delle sagome in cartoncino. Servirà un cartoncino abbastanza spesso da non far passare il colore, ma non troppo spesso o non riuscirete a tagliarlo bene. Vi servirà una sagoma per il nero dell'aquila (in negativo, cioè dovete togliere l'aquila e lasciare quello che c'è intorno), una per il cerchio giallo (che copra cerchio nero e rosso esterno), due per il cerchio nero (una che copra il disco giallo e una per coprire il rosso esterno) e una per il cerchio rosso (che copra il cerchio nero e tutto quello che c'è dentro). E non dimenticate di sagomare le quattro punte nere verso l'esterno. Se volete potete stamparvi queste, ma attenzione alle dimensioni: se avete una normale stampante A4 e il vostro compensato è più grande dovete prevedere di usare due fogli per sagoma, da incollare sul cartoncino come traccia per il ritaglio. Oppure disegnate tutto sul cartoncino con l'aiuto di un compasso.


Si parte con una bella base bianca, su tutto il pannello, retro compreso se non volete lasciarlo color legno. Pensateci perché rimarrà staccato dal muro di un paio di centimetri e se ci passate sotto si vede (a meno che non gli mettiate dei bordi di legno in modo da "scatolarlo").
Aspettate che asciughi, di solito bastano sei o otto ore, poi una seconda mano se vi sembra il caso, ma con le bombolette potrebbe anche bastarne una.
Poi il colore più chiaro, il giallo. Non importa se sporcate col giallo dove deve andare l'acquila o il cerchio nero, perché tanto il nero copre. Il rosso un po' meno. Anche qui, due mani se vi sembra il caso.
Poi il contorno rosso. Io ho fatto rosso anche il retro.
Poi il cerchio nero esterno.
Per i numeri dell'orologio, vi rimando a più sotto.


Altrimenti, c'è il metodo sbagliato,
che è quello che ho seguito io semplicemente perché avevo già colori e pennelli in casa e ho evitato di spendere una ventina abbondante di euro in vernici. A pennello, però, il risultato finale è meno preciso perché bisogna avere la mano ferma, e sicuro restano anche i segni delle pennellate.

Si possono usare anche qui le sagome, volendo, per non sbavare i contorni. Io non le ho usate perché sono pigro e non avevo voglia di farle. Mi sono limitato a usare un paio di sottovasi belli grossi per fare i cerchi il più "circolari" possibile. Giotto mi fa un baffo.

Orologio Zagor
Base Bianca davanti e dietro. Facile!

Orologio Zagor
Retro rosso...
Orologio Zagor
... e rosso sul davanti, non importa se i contorni non sono precisi, tanto si coprono col nero.
Magari evitate l'orrida sbavatura col rosso sul  che per coprirla col giallo ho dovuto dargli tipo dieci mani.
Purtroppo non ho fotografato il sottovaso usato per fare il cerchio. ;-)
Orologio Zagor
Disegno dei contorni dell'aquila a matita. Si continua poi facendo prima il giallo e poi il nero dell'aquila.
Mannaggia a quella macchia rossa.

Orologio Zagor
E viene così. Non è precissimo, come vedete, ma da lontano l'effetto è ottimo.  Qui ci sono anche già i trattini per le ore.

Certo, poi c'è anche il metodo facile facile che così sono capaci tutti:
prendere un pannello più piccolo (in base alla vostra stampante, per gli A4 il pannello sarà al massimo 21x21 cm), stampare un'immagine di Zagor a colori a piacere, incollargliela sopra e farci un buco in mezzo per il meccanismo... Ma qui noi siamo uomini veri, mica piedidolci!

E adesso vediamo come fare i numeri. Io ho preferito delle semplici linee non invasive, ma potete metterci dei numeri, delle piccole scuri, il faccione di Cico, lasciarlo com'è, quello che vi pare, ovviamente.
Io mi sono limitato a scaricare un'immagine di un orologio tipo questa,

Orologio Zagor

e l'ho stampata, poi ho sovrapposto il centro al centro del pannello. Con un righello ho puntato dal centro ai trattini dei numeri proseguendo sul pannello, e fatto un piccolo segno con la matita vicino al bordo del cerchio giallo. Poi col pennello ho fatto i trattini seguendo i segni.

Orologio Zagor
Io sbagliando l'ho fatto prima del giallo. Ma voi potete imparare dai miei errori e farlo solo come ultima cosa!
Se volete dargli un aspetto più lucido,  potete anche dargli una mano di impregnante trasparente.

Poi si monta il meccanismo, è facile. Il meccanismo in genere ha già un gancio per il chiodo. Dopodiché basta piantare un bel chiodo nel muro (Se fatto con queste dimensioni è leggero, non c'è bisogno di un tassello).
Totale spesa: sei o sette euro, calcolate però che io avevo già i colori e i pennelli.
Il risultato finale lo vedete qui, appeso al suo posto sopra la porta!

Orologio Zagor
 
Allora, che ve ne pare? Piacerà a mio figlio?
Beh, se non gli piace me lo tengo io. ;-)

Il Moro

12 commenti:

  1. Caramba y carambita!!! ^_^
    Complimenti per l'idea e per l'ingegno, Zagor è fiero di te ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Spero che lo sia anche mio figlio, visto che se lo ritrova in camera senza avere idea di chi sia Zagor... :-D

      Elimina
  2. Che splendido lavoro artigianale.
    Bravissimo!

    RispondiElimina
  3. Grande, Moro! Questo è (più di) un Art Attack! :)
    Sai che io prelevai i colori con Paint quando ci fu la storia del vestino bianco-oro/blu-nero? XD
    Comunque, grande realizzazione^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo ricordo quel vestito! Poi cosa hai risolto? :-)
      Grazie!

      Elimina
  4. Mi manca giusto un orologio per il soggiorno, mi hai dato un’ottima idea, bellissimo post e complimenti per la creatività! ;-) Cheers

    RispondiElimina
  5. Graaaaande... al tuo blog mancava l'angolo del bricolage.
    Ottimo risultato, ma io avrei utilizzato dei cartoncini colorati sovrapposti ricoperti da una pellicola adesiva trasparente ;)

    RispondiElimina
  6. Adoro il bricolage e hai fatto bene dato che non hai trovato nulla di pronto. Bonelli Store, attaccate!
    Sono rimasto col dubbio su quale battuta potessimo fare sull'oggetto abbastanza dritto e abbastanza lungo...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
;