venerdì 22 settembre 2017

Doom & Destiny

Do&De AdvSalve a tutti, è Il Moro che vi parla!


Da un certo punto di vista, molto personale, Doom & Destiny è il videogame perfetto.
I JRPG sono stati per lungo tempo il mio genere di videogiochi preferito. Ho fatto anche una classifica.
Ma l'età non più verde e il poco tempo libero mi rendono difficile appassionarmi a un gioco dalla profondità e complessità paragonabile ai vari Final Fantasy (fino al  XII, almeno, dopo non so), complessità che una volta era proprio una delle caratteristiche che mi attiravano di più.
Allo stesso tempo non riesco ad adattarmi all'eccessiva semplicità dei giochi per tablet e smartphone, che al momento sembrano essere gli unici che trovo il tempo di giocare, spesso mollandoli prima della metà.
Doom & Destiny è perfettamente a metà tra questi due mondi. Pur essendo, chiaramente e dichiaratamente, un gioco per cellulari, propone una profondità e una complessità notevoli nel sistema di gioco. Niente a che vedere con qualche Final Fantasy dai sistemi di crescita e personalizzazione dei personaggi intricatissimi e ai limiti della comprensione umana, ma non siamo poi così distanti da un Dragon Quest.
Allo stesso tempo il gioco risulta semplice da "imparare" e immediato, come si conviene a un gioco per cellulare, quindi adatto per sessioni "casual" e spesso di pochi minuti.

martedì 19 settembre 2017

Orfani - seconda stagione: Ringo

Orfani ringo recensioneSalve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Ho cambiato idea sulla prima stagione di Orfani. Trovate qui tutte le recensioni dei singoli volumi, ma non date loro troppo credito. Il mio "errore", se di errore si può parlare, è stato quello di leggere e recensire un volume per volta. Ma Orfani prima stagione è uno di quei lavori in cui il risultato finale è maggiore della somma delle parti. I singoli volumi non vanno intesi come potrebbero essere ad esempio le puntate di un telefilm con trama orizzontale, episodi a sè stanti che vanno a comporre una trama globale, ma piuttosto come capitoli di un libro. Quelle che erano sembrate grossolane stupidaggini nei primi volumi poi nel complesso dell'opera hanno assunto un valore differente, portando Orfani prima stagione a essere un'ottima miniserie.

Per non ricadere nello stesso errore, ho accumulato tutti i volumi della seconda stagione uno sull'altro prima di iniziare a leggerli, tutti di fila. Certo, nel frattempo altra roba ci si è ammucchiata sopra e intanto di Orfani siamo arrivati alla quarta stagione, ma tant'è, cercate di capirmi, sono anziano, ho i miei tempi.

venerdì 15 settembre 2017

I racconti di Angelo Benuzzi per 2 minuti a Mezzanotte, recensioni

Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Torniamo nel mondo di 2 Minuti a Mezzanotte, con i racconti di Angelo Benuzzi. Per chi non sapesse di cosa sto parlando, potete dare un'occhiata al sito ufficiale, alla pagina dei racconti spin-off, alla pagina dei miei contributi e a tutti i post che ho dedicato all'ambientazione nel tempo.

Back from the grave è un racconto abbastanza breve, nel quale Angelo tratteggia la storia del Super "Bolt" (cognome impronunciabile, ma il nome da Super può bastare), in forze all'esercito degli Stati Uniti, che ha il potere di scagliare folgori, una propensione per l'alcool, un serio problema di gestione della rabbia e un odio profondo per il Grande Thot, super avversario che è già comparso in entrambe le stagioni della round robin (piccola parentesi: il Grande Thot, creato da Alessandro Girola e definito nelle capacità e nel carattere da Matteo Poropat, era uno dei miei personaggi preferiti [a parte quelli creati da me, ovviamente ;-)], tanto che ho dedicato totalmente a lui il mio capitolo della seconda stagione). Odio che sfocia in un devastante combattimento in Libano, nel 1983...

martedì 12 settembre 2017

Masters Of The Universe in versione LEGO!

Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Oggi una galleria particolare: non illustrazioni, ma creazioni realizzate con il LEGO e ispirate ai Masters Of The Universe!
Il creatore è Orion Pax, Un Lego designer che ha saputo farsi un nome nell'ambiente con le sue riproduzioni in mattoncini di giocattoli anni '80.
A voi!

Lego, Motu, He-Man, Masters of the Universe, Have the Power, Lego, Motu, He-Man, Masters of the Universe, Have the Power, Orion Pax, Grayskull,MARK TAYLOR,SKELETOR,TEELA, ORKO,LEGO HE-MAN

venerdì 8 settembre 2017

TD-V26, radiolina cinese: recensione

Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Visto che non ho niente di meglio da fare, facciamo due parole su questa radiolina cinese comprata sulla baia per cinque euro.

Sembra una baracca, mi aspettavo una baracca, eppure si è rivelata un prodotto valido per il prezzo che ha.

Tre sono le funzioni principali, prendiamole in esame una per volta.

Radio: ha un'antenna retrattile che le permette di prendere le stazioni radio. Ne trova anche abbastanza, il problema è la ricerca. Spieghiamo: premendo il secondo tasto da sinistra inizia la ricerca delle stazioni. La ricerca non si può fermare fino a che non si è fatto tutto il giro delle frequenze memorizzando tutte le stazioni disponibili. A me è arrivato a memorizzarne anche una settantina. Poi con il terzo e il quarto tasto si cambia stazione, potendo solo avanzare e arretrare di una per volta. Gli stessi due tasti permettono anche di regolare il volume, tenendoli premuti.
E' chiaro che questo metodo è maledettamente scomodo: non c'è memorizzazione delle stazioni preferite, bisogna ricordarsi il numero di canale assegnato, dopo averla cercata tra tutte le altre radio esistenti. L'unica cosa buona è che quando la spegnete alla riaccensione la ritrovate sulla stessa stazione sulla quale l'avete spenta.
Inoltre se vi spostate (a me è capitato di usarla come radiolina guidando una vecchia Panda senza autoradio) e oltrepassate un limite oltre il quale cambiano le frequenze ovviamente non si sente più nulla, e dovete rifare la sintonizzazione da capo. Facile che ci metta più tempo di quello che vi serve per arrivare a destinazione.

martedì 5 settembre 2017

Inbooki, più di un editor per storie a bivi.

racconti interattiviSalve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Inbooki nasce da un progetto tutto italiano e, come dicevamo nel titolo, non vuole limitarsi ad essere un "semplice" editor per storie a bivi.

L'idea è di sfruttare a fondo tutte le possibilità fornite da uno smartphone per creare storie che non siano mai uguali se vorrete rileggerle.

Inbooki fornisce un editor online per la creazione delle storie, che permette anche di provare i racconti sulla app. E la app è la piattaforma su cui leggere le storie tramite smartphone e tablet. La app si interfaccia al sistema operativo dello smartphone per leggere i dati dell'orologio, del sensore della luminosità, del GPS. L'autore può quindi creare contenuti diversi nei vari casi, a seconda che il lettore legga il racconto di sera o di giorno, al buio o alla luce. Inoltre si può impostare la temperatura dell'ambiente, il sesso e l'età del lettore e altri parametri, che sarà l'app stessa a chiederci a inizio lettura. Addirittura si potrà scegliere di rendere un capitolo disponibile sono se il lettore si trova in un certo punto (si sceglie su una mappa e si indica il raggio di km entro cui il capitolo è leggibile). Alcuni capitoli  potrebbero essere disponibili solo in dati momenti del giorno, o solo per lettori di una certa età o sesso, o solo in certe condizioni meteo.

venerdì 1 settembre 2017

Tramonti a mezzanotte, di Aristide Capuzzo

recensione scrittore indipendenteSalve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Questa è una recensione su commissione. Nel senso che l'autore del racconto mi ha contattato e mi ha mandato la sua opera chiedendo una recensione. L'ho già fatto in passato e mi fa piacere, e ci tengo a precisare che le mie recensioni anche in questo caso sono assolutamente imparziali. Mica mi pagano! ;-)

I quadri hanno sempre suscitato un fascino particolare negli scrittori dell'orrore.
Forse perché sembrano finestre su altre realtà, realtà di cui ci è permesso di scorgere solo un minuscolo scorcio, nel quale potrebbe nascondersi, non visto dall'osservatore, qualunque cosa.
Come possiamo noi sapere cosa si nasconde dietro quella porta, o oltre quell'angolo? Chi ci sta spiando da dietro quella tenda? Dove sta andando o da dove arriva quel personaggio? E cosa c'è in quel fagotto che sta trasportando? L'artista lo sapeva quando l'ha dipinto, o si è limitato a ritrarre ciò che vedeva nella sua mente, come un'istantanea di un sogno?

martedì 29 agosto 2017

Alvin Lee per i Masters Of The Universe!

Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

L'illustratore americano Alvin Lee ha creato, in occasione del trentesimo anniversario dei Masters, una serie di immagini da utilizzare come materiale promozionale. L'intento era creare immagini dal taglio moderno, ma senza tradire l'aspetto "iconico" dei personaggi. Direi che c'è riuscito.

MOTU_battle01_main1

venerdì 18 agosto 2017

Il cacciatore e la regina di ghiaccio, recensione.

Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

A volte escono dei film che non si sa bene perché.
Questo Il cacciatore e la regina di ghiaccio è il seguito di Biancaneve e il cacciatore, che ho recensito qui. Ho dovuto andare a rileggermi la recensione perché non me lo ricordavo assolutamente, e nel giro di un giorno o due anche il seguito farà la stessa fine.
Abbandonata del tutto la fiaba di riferimento, questo sequel/prequel/spin-off (non ci facciamo mancare niente) almeno è una storia originale, che in questi tempi di cinema derivativo è già di per sé un pregio. Ma non c'è molto altro.

C'è una prima parte ambientata durante l'infanzia del cacciatore, che è stato rapito insieme ad altri dagli uomini di Freya, sorella della regina cattiva di Biancaneve, altrettanto cattiva e altrettanto regina, per rimpinguare le fila del suo esercito. Poi si passa al sequel vero e proprio, dopo che Biancaneve è diventata regina (ma per fortuna non dovremo mai sorbirci la faccia paralizzata di Kristen Stewart), e il cacciatore dovrà di nuovo affrontare colei che ha rovinato la sua infanzia e influenzato la sua vita,  dopo essere riuscito a sfuggirle anni fa.

martedì 8 agosto 2017

Bouncer, di Alejandro Jodorowsky e François Boucq.

Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

The Bouncer è un fumetto di Alejandro Jodorowsky e François Boucq, pubblicato originariamente in francia nel xxxx, ripubblicato in Italia prima dalla Magic Press in tre volumi a colori e di grandi dimensioni, rispettosi del formato originale, dalla Cosmo in quattro bonellidi in bianco e nero, che sono quelli in mio possesso, e ultimamente in sei volumi allegati alla Gazzetta dello Sport, di nuovo a colori

Vengono narrate le avventure del bouncer del Infierno, dove bouncer significa buttafuori e Infierno è un locale che tiene fede al suo nome.
Nei primi due albi, racconti in un unico volume da Cosmo, si racconta di come il Bouncer prenda sotto la sua ala un ragazzino assetato di vendetta, insegnandogli ad essere un assassino.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
;