martedì 8 settembre 2020

Game Over: la tag per i videogamer

Game Over: la tag per i videogamer

Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Sono stato nominato da Arcangelo del blog Omniverso  in questo nuovo gioco di domande tra blogger. Sapete come funziona no? Uno al mattino si sveglia così e decide di mettere giù una serie di domande da rivolgere ad altri blogger, giusto per conoscersi un po' meglio e magari far girare i propri contatti anche tra i blog amici.
Nello specifico, questa lista di domande è dedicata ai videogiochi, e visto che ultimamente questo tema è il più presente all'interno di questo blog non potevo sottrarmi.

Iniziamo quindi a rispondere a un po' di domande sui fattacci miei!

1) Qual è stato il tuo primo approccio ai videogiochi?
2) Qual è stata la tua prima console? E in seguito?
3) I titoli che più hanno definito la tua vita da videogamer?
Eh, lo so, sto barando. Ma ciò non toglie che possa agevolmente risponde alle prime tre domande tutte insieme, semplicemente linkando il post dove ho parlato della mia storia da videogiocatore. Un altro amarcord a riguardo lo si può trovare qui.

pong


4) Qual è stata la tua prima console? E in seguito?
Volendo anche queste risposte si trovano nel post di cui sopra, ma posso essere un po' più specifico: la prima console, durata pochissimo, fu una di quelle specifiche per giocare solo a Pong, ero proprio piccolo e me la ricordo a malapena, si ruppe in fretta, presumo che i miei l'avessero comprata usata. Poi è arrivato un commodore 64, usato anch'esso. Poi un Mega Drive, una Playstation 1, un'altra Playstation 1 quando la prima si è rotta dopo averle fatto "la modifica". Contemporaneamente in casa avevamo anche un PC su cui giravano alcuni giochi, prima un Windows 98 e poi Windows XP. La Playstation 2 è stata la mia ultima console fino a che vivevo insieme a miei, quando sono andato a convivere ho lasciato tutto a mio fratello e per giocare usavo il computer (andando un sacco di emulatori, cosa che non ho ancora smesso di fare). In seguito mi è stato regalato un Nintendo 3DS, e l'ultima arrivata è la Playstation 3 usata di mio fratello, che mi ha dato quando ha preso la 4. Posso dire di averla usata davvero pochissimo.

the console wars

5) Come ti schieri nella console war? Nintento o Sega? PlayStation o Xbox? O guardi dall’alto verso il basso tutti questi e giochi con il PC?
All'epoca Sega tutta la vita... perché io avevo quello! Non so perché io e mio fratello avessimo voluto quello invece che il Super Nintendo, presumo che ci girassero giochi che ci piacevano di più. Guardando indietro mi sa che ho sbagliato, perché lo SNES aveva un sacco di JRPG, genere che ho scoperto in seguito.
Ora gioco con PC, tablet e cellulare, ma li uso al 90% per gli emulatori!

6) Il tuo livello preferito di un gioco? Che sia una boss fight, un livello o un'ambientazione in particolare che ti è rimasta impressa.
Beh, ci sarebbe il momento in cui ho sconfitto il boss segreto più potente di Final Fantasy VII. Che soddisfazione, ci ho messo quasi un anno dall'acquisto del gioco (non che giocassi tutti i momenti, avevo se non sbaglio 120 ore di gioco). Oppure la "festa" finale a casa di Shepard del terzo Mass Effect, un DLC da giocare prima del finale del gioco. Così su due piedi non me ne vengono in mente altri, ma sono sicuro che ce ne siano... la mia memoria non è più quella di una volta...

ruby weapon
7) Quel gioco che ti ha proprio deluso
Non saprei, perché di solito prima di acquistare un gioco mi informo, ora su internet e quand'ero giovane sulle "riviste di settore", difficile perciò che mi renda conto che un gioco mi fa schifo solo dopo averlo provato. Parliamoci chiaro i giochi per Mega Drive costavano un botto: capaci di arrivare anche a centomila lire. Non li compravi a cuor leggero (e infatti di solito aspettavo che diventassero "vecchi" e calassero di prezzo). Poi vabbé , la prima PS1 era modificata, quindi i giochi non è che li pagassi poi tanto e infatti ne avevo molti a cui ho giocato pochissimo, ma devo ammettere che non mi è rimasta in mente una delusione particolare... forse proprio perché li pagavo poco.

Concedetemi un momento di divagazione e approfondimento storico: parlo così a cuor leggero della mia PS1 modificata perché, anche se pochi lo ricordano, all'epoca la legge sul copyright dei videogiochi era piuttosto fumosa. La materia è tutt'ora piuttosto complessa per chi non abbia almeno un'infarinatura di studi di diritto, la legislazione è affidata più alla giurisprudenza che a una legge ben definita, e quindi anch'io non sono sicuro al 100% di quello che dico; comunque la prima sentenza che protegge il copyright dei videogiochi, in Italia, è del 1982. Prima era perfettamente legale trovare in edicola le cassette con i giochi copiati.
In seguito la materia diventa vaga, non si sa bene cosa è protetto e cosa no, la modifica di per sé alla Playstation non è illegale e non credo che lo sia nemmeno adesso perché, riassumendo, una volta che il prodotto è tuo e non ti interessa la garanzia puoi farci cosa ti pare (non è proprio così ma più o meno il senso è quello), e solo in seguito, credo nel 2011, una sentenza ha reso illegale non la modifica, ma la vendita dei chip per la modifica delle console in Italia.
Solo nel 2007 ai videogiochi in Italia una sentenza dà la qualifica di "opere multimediali" così da farli rientrare nella legislatura preesistente, e ne veniva quindi punita la "vendita di copie non autorizzate".  Nel frattempo però, dal 1982 al 2007, non si sa bene. Si rimane per un po' in un limbo in cui non si capisce se i videogiochi sono protetti dal copyright o meno. Insomma, chi in quegli anni faceva uso di giochi copiati non era "proprio" al di fuori della legge.
Invito chiunque ne sappia più o meglio di me al riguardo ad approfondire la questione nei commenti, anche per correggermi se ho detto castronerie.
Scusate la divagazione.

8) Quale gioco ritieni sottovalutato e pensi meriterebbe più fama?
Beh, mi è rimasto un certo amore per The suffering, sia il primo che il secondo, che sono passati abbastanza in sordina all'epoca e per i quali non ho ancora visto una rivalutazione come avvenuto per molti altri giochi del passato.

the suffering ties that bind


9) Il genere che proprio non ti piace o non fa per te?
I miei gusti nel tempo sono cambiati radicalmente: una volta adoravo gli sparatutto a scorrimento con aerei e astronavi, ora non li toccherei neanche con un bastone! Quelli che invece evito da sempre sono gli strategici con le navi spaziali (il che mi fa escludere la maggior parte dei giochi di Star Trek, mannaggia), e ancora di più i gestionali. E ho anche un'allergia verso tutto ciò che va giocato online.

star trek videogame


10) Il titolo che hai rivalutato.
Stesso discorso del gioco che mi ha deluso.

11) Quale gioco secondo te meriterebbe un remake?
Devo dire che, quando mi capita tra le mani un gioco vecchio per il quale mi piacerebbe vedere una versione moderna, provo sempre a cercare se qualcuno l'ha già fatta. Beh, più della metà delle volte la risposta è sì! Ho pensato anche di farci un articolo, ma sarebbe diventato troppo lungo.
Ci sarebbe Final Fantasy VI, che trovate al secondo posto nella mia classifica dei JRPG. Ha già avuto un remake su Android, che ha solo una grafica un po' più smussata e fumettosa (e infatti preferisco l'originale). Per quello, forse, ci starebbe bene un'edizione moderna, un po' come avvenuto per Final Fantasy VII (ma mantenendo i combattimenti a turni, che a me piacciono tanto anche se sono vintaaaage!)

Ora sarebbe il momento di taggare qualcuno, e ammetto che non è facile visto che Arcangelo ha già taggato quasi tutti i blog di videogiocatori che seguo anch'io... Ad essi aggiungo comunque:

Kiral, prima blogger e ora passato definitivamente al podcasting (e che, avendo fatto studi da giurista, potrebbe sicuramente approfondire il discorso sul copyright dei videogiochi di cui sopra)
Twinkle di TwinkleSprites
Pietro di Pietro Saba World

Qui trovate le risposte di Arcangelo su Omniverso
Le risposte di Ema su The Reign of Ema

Il Moro

Articoli correlati:

    Il Moro

    15 commenti:

    1. Sai, l'aspettavo la nomina, anche se non so quando risponderò, ma lo farò ;)
      Sulle tue risposte che dire? Anche a me i giochi di strategia non piacciono.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. L'unico che ricordo ancora con un certo piacere era "commandos", ma credo che anche quello dovessi riprovarci oggi lo abbandonerei in fretta.

        Elimina
    2. Sono mesi che sto bruciando tappe nell'universo di Star Trek e non sai che voglia avrei di infilarmi in una divisa della Flotta Stellare e calarmi in qualche missione digitale: poi vedo schermate tipo quella che hai mostrato e la voglia mi passa completamente. Da tempo ho perso il treno... anzi, l'astronave dei videogiochi di strategia, quindi nei viaggi transmediali mi tocca lasciare fuori sempre il medium più sbrilluccicante, cioè i giochi. E sì che instagram, violando la mia privacy, sa bene che mi piacerebbe e continua mandarmi pubblicità di giochini per smartphone in cui si guidano astronavi: peccato che impicciandosi nelle mie ricerche non abbia capito che non sono capace di usarli :-D
      Comunque, sai che a sorpresa ho una gran voglia di partecipare alla tag? Anche perché sarebbe divertente fornire l'opinione di un vecchio dinosauro come me ^_^

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Ah, se ti va, considerati taggato!
        Di videogiochi di Star Trek ne sono ovviamente usciti un mucchio, ma molti sono di strategia o sono... brutti.
        Di mio, ricordo con piacere uno sparatutto in prima persona intitolato Star Trek Voyager - Elite force, in cui andavi in giro a blastare borg creature varie su strani, nuovi mondi col tuo fucilone laser, sparando in un minuto più colpi di quanto se ne siano sparati nell'intera saga.
        Devo aver intravisto anche uno sparatutto in terza persona dedicato a DS9.
        Poi, nel marasma di giochi che hanno fatto ce ne saranno sicuramente altri.

        Elimina
    3. Ti ringrazio per la taggata, per me è la prima volta*.*

      RispondiElimina
    4. Intanto ti ringrazio per aver risposto all'appello!
      Che battaglia con Ruby Weapon, ma anche Emerald non scherzava. FF VII pare unisca molti di noi, indipendentemente dall'età, all'epoca io avevo tipo 13 anni, non acquistavo regolarmente riviste dedicate e ricordo che per aiutarmi a proseguire dei tipi di un negozio di videogame (ahimè non durato molto, ma ammetto che avevano i prezzi un po' altini) mi avevano prestato delle riviste con la guida al gioco, io fotocopiai il tutto e riportai la rivista in negozio, soprattutto per ottenere il famigerato Chocobo Oro. Poi riuscì a trovare una guida ufficiale ma questa è un altra storia.

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Emerald era balorda ma sono riuscito a batterla al primo colpo, DOPO aver preso quell'affare che permetteva di respirare sott'acqua per più di mezz'ora.
        Io mi ero fatto quasi tutto il gioco senza guida, poi avevo trovato qualcosa su internet per le cose meno (per non dire per nulla) intuitive. Avevo un computer nuovo fiammante con Windows 98 e quello mi sembrava un buon utilizzo!
        Final Fantasy VI fu un gioco epocale per molti perché inseriva un simil 3D, cinematiche, un sistema di gioco estremamente complesso e una trama di altissimo livello. Tutta roba che si era già vista, ma non a quel livello né tutta insieme. Io, poi, non avevo mai giocato a un JRPG prima!

        Elimina
    5. Mitico Pong! Anche se credo di averlo provato solo nei primi anni 90...
      Sei un retrogamer DOC!
      La modifica per PSX non era illegale soprattutto perché veniva chiamata "modifica universale", in modo che facesse girare i titoli importati di altre regioni (USA e JAP su tutti). Infatti la facevano anche i negozi stessi.
      I combattimenti sono leeeentiii 😂 Magari velocizzando i tempi di ricarica sia tuoi e che dei nemici, potrei rivalutarli ma in passato li ho completamente odiati!

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Io amo i combattimenti a turni che mi danno il tempo di pensare alla prossima mossa, ma allo stesso tempo non riesco a sopportare gli strategici che sono basati SOLO su quello. Per costringermi a imparare un sistema di combattimento ultracomplesso, anche se a turni, devi avere una storia in grado di coinvolgermi, e questo negli strategici non l'ho ancora trovato (il che non significa che non ci sia, ovviamente).
        In realtà non mi reputo un retrogamer, soprattutto da quando ho iniziato a frequentare i gruppi facebook dedicati al retrogaming, dove c'è gente che ha decine di console, le sa riparare, si fa da sola i cabinati sia dal punto di vista dell'hardware che del software che della falegnameria, eccetera. A me piacciono i giochi vecchi non tanto perché sono vecchi ma principalmente perché amo il 2D. PEr questo vado per lo più
        di emulatori.

        Elimina
      2. Quelli sono malati 😂 Nel senso buono, eh! Perché un po' li invidio... non ho ne capacità tecniche e né la pazienza ma mi piacerebbe avere tutte le vecchie console e cabinati fatti in casa.
        Sui combattimenti in parte concordo, piace anche a me avere il tempo di studiare una strategia e infatti adoro gli stealth, mentre odio la troppa azione (o caciara).

        Elimina
    6. Sai che anche a me piacerebbe esplorare i giochi di Star Trek ma il genere mi tiene alla larga? Ricordo TotalBiscuit (RIP) che parlava delle sue navi in Star Trek Online e sembrava ganzo, ma son giochi che richiedono quantità di tempo improbabili purtroppo.

      (commento incriminato sul mio blog cancellato! :--)

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Non sono l'unico allora...
        Grazie del servizio!

        Elimina
    7. Mi sono chiesta anche io spesso come funzionasse il discorso del copyright sui giochi. Sicuramente anche dopo il 1982 c'erano le famose compilation da edicola, penso almeno fino all'87.
      Ho letto il tuo post sulla tua storia da videogiocatore e mitica l'immagine di te che entri nel bar con un solo gettone, e magari lo sguardo da terminator che scansiona la presenza di possibili sfidanti!
      Grazie per il link

      RispondiElimina
      Risposte
      1. Sì, nell'87 c'erano ancora sicuramente. In quell'epoca era tutto piuttosto fumoso.
        Sì all'epoca dell'esplosione di Puzzle Bobble non ce n'era per nessuno!

        Elimina

    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
    ;