martedì 10 novembre 2015

Dead in Tombstone, recensione

recensioneSalve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Dead in Tombstone è un film del 2013 di Roel Reiné, già regista de Il Re Scorpione 3 e Death Race 2 e 3.
Visti i biglietti da visita, sapete già cosa aspettarvi, no?
Nei ruoli dei protagonisti, Danny Trejo e Mickey Rourke. A questo punto dovreste aver capito.

Ucciso dai suoi complici, il rapinatore di banche Guerrero (Trejo) fa un patto col diavolo (un Mickey Rourke grasso e sfatto, lontani i tempi in cui era un sex-symbol) per poter tornare nel mondo a vendicarsi.
E poi niente, li ammazza uno per volta. No, trama finita.


Curioso che questo western sia stato girato interamente a Bucarest... Ma, d'altronde, noi i western li giravamo in Sardegna.




dead in tombstone

Brutta recitazione e doppiaggio peggiore supportano alla grande dialoghi al limite del ridicolo, ben sottolinati da musiche carine nelle scene d'azione e fastidiose per il resto del film.

Notare le folli pistole a tre canne di Guerrero, che riprendono le armi "modificate" viste in molti spaghetti-western. Ma il tentativo di richiamare i classici cade nel nulla quando ci accorgiamo che queste pistole hanno esattamente lo stesso effetto di quelle normali.

weird westerm

A parte il particolare della resurrezione, questo film è un normalissimo western incentrato sulla vendetta, praticamente privo di trama. Contando che non ha nessuna scelta registica particolare, nessun guizzo d'inventiva degno di nota, non vedo perché qualcuno dovrebbe perdere tempo a guardarlo invece di dedicarsi ai classici come questo.
Dead in Tombstone fallisce sia come western che come horror. Un po' come Gallowalkers, ma peggio.
Ma gli horror-western decenti si contano sulle dita di una mano monca. Non credo di averli visti tutti e nemmeno mezzi, ma l'unico che mi ricordi come decente era L'insaziabile... che poi comunque il genere mi attira. Non è che voi avete qualche titolo da suggerirmi?

weird west

Tombstone sorge veramente vicino a una miniera, ma d'argento, non d'oro come raccontato nel film, e davvero divenne rifugio di fuorilegge, ma non è stata ribattezzata così da loro. La ricordiamo tutti per la famosa sfida all' O.K. Corral, ma niente Wyatt Earp in questo film. Nè nient'altro.

Il Moro

6 commenti:

  1. Me lo ricordo questo DTV, me lo ricordo bruttarello ;-) Nemmeno Mickey e Danny tengono su la baracca, o sarebbe meglio dire catapecchia. Cheers!

    RispondiElimina
  2. Benvenuto nel mondo del Zinefilo! Non lo sai? Bucarest è la nuova Hollywood :-D
    Scherzi a parte, ormai i soldi sono finiti e a parte qualche blockbuster l'home video è invaso da questi filmacci, che mi diverto a sbeffeggiare appunto nel mio blog "Il Zinefilo" :-P
    Trejo è ormai il re dei filmacci, qualcuno ne azzecca ma molti li toppa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che lui stia bene nella sua nicchia, ormai...

      Elimina
  3. Visto per ammazzare il tempo mentre scrivevo un post.
    Ti do ragione in tutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardarlo mentre si fa altro è l'unica collocazione di cui è degno...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
;