lunedì 29 gennaio 2018

30 anni di Hellraiser in Italia: racconti e romanzi.

schiavi dell'infernoSalve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Questo blog partecipa all'iniziativa 30 anni di Hellraiser in Italia portata avanti dagli esimi colleghi blogger responsabili de La bara volante, Il Zinefilo e Italian Pulp Movie Poster.

Questo 29 gennaio festeggiamo i 30 anni in Italia di Hellraiser, un film che non ha mai smesso di terrorizzarci!

Il primo Hellraiser ha avuto ben nove sequel, di cui l'ultimo in uscita quest'anno, il che lo piazza tra gli horror (e i film in generale) con più sequel, insieme ai 9 di Halloween e agli 11 di Venerdì 13. Niente a che vedere con la trentina di Godzilla, comunque.
Troppi per le mie sole forze, per cui passo volentieri la palla ai miei colleghi blogger, che a differenza di me sono veri esperti di cinema!

Esistono anche una marea di fumetti dedicati ai cenobiti, si contano qualcosa come diciotto tra volumi e miniserie più due antologie di storie brevi, per tre diverse case editrici. Anche qui, lascio la parola ai miei colleghi.

C'è anche una storia interessante legata ai videogiochi... ma ci torneremo nel prossimo articolo.

Per il momento preferisco concentrarmi sull'ultimo "media" relativo a Hellraiser, che è anche il primo, ovvero romanzi e racconti.
Ma prima di continuare, la cosa più importante: il banner dell'iniziativa!


E si comincia sempre dal principio, ovvero da quello da cui tutto è iniziato: il romanzo breve Schiavi dell'inferno (The Hellbound Heart) di Clive Barker, adattato poi per il cinema dallo stesso autore.
Esce in Inghilterra nel 1986 all'interno del terzo volume della serie antologica Night visions, insieme a un'introduzione di George R.R. Martin e racconti di Ramsey Campbel e Lisa Tuttle, e in Italia nel 1991 (quindi dopo il film, che in Italia è uscito appunto nel 1988).

schiavi dell'inferno

Schiavi dell'inferno è carino, ma niente di più. Clive Barker ha scritto decisamente di meglio. Trovo che dia il suo meglio nei racconti brevi, come quelli contenuti nelle raccolte Libro di sangue, che contengono macabre perle di rara bizzarria, e nei romanzi, come Apocalypse che è uno dei miei libri preferiti, o Il mondo in un tappeto che anche non era male. Schiavi dell'inferno è un romanzo breve, che si lascia leggere ma non riesce ad appassionare, trattandosi in fondo di niente di più che di una "storiella da film dell'orrore" senza l'ambizione di essere altro.
Il vero colpo di genio di Clive Barker è stato quello di intuire la forza iconica dei suoi Cenobiti e della scatola di Lemarchand, ricavandone quindi il film di cui stiamo parlando.

clive barker hellraiser

Ho detto che voglio concentrarmi sulla narrativa, quindi non mi soffermo sui fumetti dedicati a Hellraiser, per i quali lascio ai miei colleghi il privilegio di approfondire. Solo un accenno sulla serie pubblicata da BOOM! Studio nel 2011 (in Italia dalla Bao), scritta sempre da Clive Barker. Qui Pinhead incontra Harry D'amour, detective del paranormale già apparso in un paio di racconti e due romanzi di Barker, tra cui Everville, a sua volta sequel di uno dei miei libri preferiti di sempre, Apocalypse. Nel film del 1995 Il signore delle illusioni, scritto e diretto da Clive Barker, Harry D'Amour è interpretato da Scott Bakula (che ricorderete come protagonista delle serie Star Trek Enterprise In viaggio nel tempo).

lord of illusions

Deve arrivare il 2015 (e nove film, e decine di volumi a fumetti) prima che Clive Barker decida di dare un seguito diretto al suo romanzo. Seguito dalla gestazione maledettamente lunga, visto che Barker a quanto pare ha iniziato a lavorarci nel 1998. Si intitola Vangeli di sangue (The scarlet Gospel), e anche qui compare Harry D'amour, il che è il motivo per cui vi ho parlato del fumetto poco sopra. In realtà le storie narrate nei fumetti e nel romanzo non sono in continuity tra loro, quindi è possibile leggere tranquillamente il romanzo anche senza conoscere il fumetto.
Purtroppo non sono riuscito a trovarlo in tempo per questo articolo, quindi non l'ho letto.

vangeli di sangue

Ma Pinhead e gli altri cenobiti hanno avuto una vita letteraria anche senza il bisogno di Clive Barker alla macchina da scrivere. Vediamo un po'.

Vangeli di sangue ha avuto anche un prequel (che è quindi anche un sequel di Schiavi dell'inferno): si intitola The Toll e l'autore è Mark Alan Miller. Miller comunque si è ispirato al racconto Heaven's Reply, che l'autore ha iniziato a scrivere nel 2010 e mai terminato. Lo stesso racconto era stato utilizzato come ispirazione anche per il copione del remake di Hellraiser, progetto che si è a sua volta arenato. Tutto chiaro?
The Toll ha visto la luce solo in un'edizione limitata di circa 800 copie, ma la Indipendent Legion ha recentemente annunciato di aver acquisito i diritti per la pubblicazione in Italia.


the toll mark alan miller

Nel 2016 esce anche Hellbound Hearts, una raccolta di racconti ambientati nel mondo creato da Barker scritti da diversi autori, tra cui due fumetti, uno di Neil Gaiman e Dave McKean, l'altro di Christopher Golden e Mike Mignola.


hellbound hearts

Il capitano Eliot Spencer, identità umana di Pinhead prima di diventare tale, ha un cameo nel romanzo Il Barone Sanguinario del 1995, secondo volume della trilogia iniziata da Anno Dracula di Kim Newman. L'ho letto, ma è solo un cameo tra quelli di decine di personaggi della narrativa, horror e non.


il barone sanguinario

Ma l'operazione più strampalata è forse Sherlock Holmes and the Servants of Hell, un "pastiche" letterario a opera di Paul Kane (specializzato in novelizzazioni di film e videogiochi), nel quale l'investigatore di Baker Street interagisce con l'universo di Hellraiser, cercando di risolvere il mistero della "Configurazione dei lamenti" e incontrando quindi alcuni cenobiti.


sherlock holmes and the servant of hell

Termina qui, per ora, l'avventura di Pinhead e soci sul media su cui sono nati. Ci ritroviamo per il prossimo articolo su questo blog per la parte relativa ai videogiochi, e sui blog dei miei colleghi per altre succose notizie e curiosità su questa saga.

Eccovi quindi i link a cui potete trovare gli articoli dell'iniziativa "30 anni di Hellraiser in Italia"!

"La Bara Volante" ricorda il film con il suo stile inimitabile

"Il Zinefilo" ci parla degli Artigiani del Dolore

"IPMP" presenta le locandine italiane d'annata

Stay tuned!

Il Moro

8 commenti:

  1. Anche Mignola si è cimentato con le creature di Barker? Ecco ora dovrò scovare quel fumetto! ;-) Grazie mille per la dettagliata panoramica, non ci ho mai capito niente del marasma di fumetti sparsi nel mondo da Barker, che dopo aver rinunciato ai diritti sui film, si è ampiamente rifatto a fumetto, e poi ovviamente con i romanzi. Certo che ci vuole il cervello di Sherlock Holmes per risolvere il rebus della scatola ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ce lo vedo Holmes a farsi torturare dai cenobiti... :-D

      Elimina
  2. Grazie d'aver partecipato e pezzo splendido: mi hai dato un sacco di dritte su come continuare la ricerca ^_^ Holmes vs Hellraiser mi fa troppo morire: che voglia che ho di leggerlo! :-P
    Grazie soprattutto per avermi stanato la pubblicazione originale di "The Hellbound Heart": sai che non ero proprio riuscito a trovarla? Mi ero convinto che Barker avesse fatto come altri grandi, che hanno scritto romanzo e sceneggiatura in contemporanea. In fondo solamente nel 1991 appare per la prima volta il testo "in solitaria". Grazie per la chicca e ho aggiornato il mio post ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come Clarke con 2001? Figurati e grazie a te!

      Elimina
  3. Le copertine di Hellbound Hearts e del fumetto Boom Studio (grandissimi!) sono meravigliose. Il cross-over Holmes-Hellraiser? Lungi da me...

    RispondiElimina
  4. Che bella questa collaborazione tra blogger, faccio i miei complimenti a tutti voi tre. ^^

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
;