martedì 21 marzo 2017

Brutta come la morte, di Mala Spina. Recensione

Cover artSalve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Finalmente, dopo il colmo di sfiga che ha portato alla rottura del mio tablet, dell'ebook reader e del cellullare nel giro di una settimana, sono riuscito a recuperare un tablet da due soldi (letteralmente, è il tablet da 2 euro di altroconsumo - magari poi ne parliamo), e quindi posso tornare a leggere un po' di narrativa in digitale.
Ho cominciato con il terzo volume di Altro Evo, forse ricorderete che ho recensito già Il giorno del drago e Kafra il Magnifico.

In Brutta come la morte - Essere eroici non è roba da apprendisti l'attenzione si sposta su Zira, la cameriera del Drago Ubriaco, la peggior bettola del porto, che è già apparsa come comparsa nei volumi precedenti. Si tratta comunque di una storia a sè stante, come per tutti i volumi della saga.

martedì 14 marzo 2017

Suicide Squad, recensione

Suicide Squad, recensioneSalve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Sì, lo so, io arrivo sempre a recensire i film nel momento in cui li avete già visti tutti. Che volete farci?

Allora, non stiamo a farla tanto lunga: Suicide Squad è un film partito male, figlio di un marketing sbagliato... o forse sbagliato lo sembra solo a noi, visti gli incassi.

Questo è, ancora più di Batman vs. Superman (qui la recensione), un film fatto per seguire l'onda monetaria dei film Marvel: buttare lì un universo condiviso al più presto possibile, senza darsi pena di "costruire" i personaggi prima di far fare loro squadra. Se Batman e Superman sono talmente iconici che un film su di loro può funzionare anche senza altri film prima per presentare i personaggi, questi tizi qui chi li conosce? Io, personalmente, che come sa chi mi segue di fumetti ne leggo a palate, conoscevo giusto quelli che compaiono in Batman (Harley Quinn, Killer Croc, Deadshot), e Capitan Boomerang devo averlo intravisto in qualche crossover. Gli altri, mai sentiti. Anche gli autori della sceneggiatura, comunque, sembrano saperne più o meno quanto me perché, a parte Diablo che ha una parte giusto un pelo più importante, solo Deadshot e Harley sono sviluppati decentemente, gli altri sono tappezzeria, nè più e nè meno. Un po' come Ant-Man (qui la recensione del film Ant-Man) in Civil War (qui la recensione), che però, appunto, aveva già un film alle spalle.
So che esiste anche una serie a fumetti dedicata a questa squadra, ma non mi è mai capitata per le mani.


venerdì 10 marzo 2017

Fiori per Algernon, di Daniel Keyes - recensione

Fiori per Algernon recensioneSalve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Algernon è un topo, una cavia da laboratorio che è stata sottoposta a un esperimento volto ad aumentarne l'intelligenza. Non è lui il protagonista bensì Charlie Gordon, un ritardato mentale che accetta di sottoporsi allo stesso esperimento.
È Charlie stesso a raccontarci la sua storia, tramite un diario che gli studiosi gli chiedono di tenere.
L'esperimento funziona, e Charlie diventa sempre più intelligente, fino a raggiungere e superare i più grandi luminari della scienza...

Il pretesto fantascientifico serve all'autore per scavare nella profondità dell'animo umano e raccontarci la tremenda parabola del povero Charlie, da deficiente a genio, che scoprirà che tra questi due stati ci sono più somiglianze di quanto si potrebbe pensare.

venerdì 3 marzo 2017

Road To Logan: Nyx, recensione

Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Volendo partecipare con un ultimo post all'iniziativa del Zinefilo Road To Logan, serie di articoli preparatori  all'uscita dell'ultimo film su Wolverine, sono andato a cercarmi un fumetto che sapevo di avere, e nel quale ricordavo comparisse anche la giovane clone dell'artigliato canadese. Ho scoperto che l'importanza del personaggio in queste storie è molto minore di quanto ricordavo, ma tant'è, l'ho letto e ve lo recensisco, tiè.


logan_banner



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
;