martedì 22 luglio 2014

Ercole: brevi recensioni di qualche film a caso.

Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

I post su Ercole li avete letti, ma visto che l'ispirazione per scriverli mi è venuta dai film che sono usciti ultimamente perché non parlare dei film stessi?

Il primo è Hercules - La leggenda ha inizio, uscito all'inizio di quest'anno per la regia di Renny Harlin e con Kellan Lutz nei panni del forzuto.

Un film con la trama che mischia Il Gladiatore e Robin Hood, con l'estetica e la regia dei combattimenti scopiazzata da 300 (addominali disegnati e rallenty a caso). E Ercole? Beh, i personaggi hanno, almeno la maggior parte di loro, gli stessi nomi di quelli della saga di Ercole. Solo i nomi, perché storia, carattere e caratteristiche non c'entrano una mazza. Lo stesso Hercules sfoggia mosse e poteri che sembrano presi di peso da God of War invece che dalla mitologia, e la sua innamorata nella mitologia nemmeno esiste (esiste una con quel nome ma è una divinità).



Gli aspetti fantasy che ci si potrebbero aspettare da un film del genere sono pochi e mal inseriti, i personaggi sono stereotipati e noiosi, così come la storia. Gli attori... va beh, non è che servano premi oscar per fare la parte dei picchiatori impegnati in scontri da wrestling, però nella pochezza del tutto si nota anche quello.
Insomma, non guardatelo. Spreco di soldi per voi e per quelli che l'hanno girato.


Subito dopo, per riprendermi, ho guardato quello che in genere è considerato il migliore, o uno dei migliori, tra i film di Ercole degli anni '60: Ercole al centro della Terra, diretto da Mario Bava e interpretato da Reg Park. Da notare, nel ruolo del perfido stregone Lico, il solito Christopher Lee, che pare detenga il record di attore vivente con più film all'attivo.


Mixa un po' delle fatiche di Ercole per una storia nuova, che vede Ercole insieme a Teseo (?) e Telemaco (??) scendere nell'Averno per trovare il modo di guarire Deianira dal misterioso male che l'affligge. Almeno qui la moglie di Ercole ha lo stesso nome che nel mito.

L'onnipresente Christopher Lee

In linea con tempi in cui i film su Ercole uscivano con periodicità da fumetto, questo non vuole raccontare nient'altro che una delle avventure del personaggio, come se fosse una puntata di un telefilm. Niente origini né finali definitivi.
È un film bizzarro e visionario, abbastanza strano da essere affascinante.


Certo, anche qui i personaggi non sono proprio identici agli originali. Però almeno sono simpatici. Certo, l'avessero chiamato Iolao invece che Teseo sarebbe stato meglio, ma vabbé.
Questo è un buon film fantasy, che ammetto di aver guardato con maggior piacere della boiata di cui sopra, nonostante tutti i limiti dovuti all'età e ai mezzi.



L'ultimo film per oggi, poi vi lascio stare: Immortals, uscito nel 2011 e diretto da Tarsem Singh Dhandwar. Vi ho già detto altre volte che amo il gusto estetico di Tarsem, no?
Ho visto Immortals perché ho letto che dovesse esserci anche Ercole, visto che sto facendo questa serie di post. Ora, ho guardato il film fino al fondo e di Ercole nemmeno l'ombra, tranne un accenno al fatto che sia stato lui a forgiare l'arco di Epiro (che nella mitologia non mi risulta esistere... Con tutte le armi magiche che avevano dovevano per forza inventarne una nuova?).
Solo cercando su internet ho capito che era uno degli dei. Fa solo una breve comparsata e non c'entra niente col personaggio (come gli altri, d'altronde). Non ho trovato una foto decente da postare, comunque è un fotomodello fighetto ed effeminato.


E' uno di questi... o quello seduto o quello in piedi dietro, non so.


Questo è il tipo che lo interpreta... Non dà proprio l'idea di "Eracle", no?
Sì, ci sono i costumi e le scenografie surreali in stile Tarsem (magari andate a rileggervi la rece di Biancaneve). Come per gli altri suoi film, però, c'è la sensazione che avrebbe dovuto calcare un po' di più la mano in tal senso e lasciarsi andare a un surrealismo estetico più estremo, così non è abbastanza per rimanere impresso e risulta un po' "nè carne nè pesce". Bello il combattimento finale tra dei e titani, combattuto a ipervelocità, con i combattenti che ritornano alla velocità normale nel momento esatto della morte.

Una partita a calciobalilla?
A parte questo il film non è niente di che, con personaggi piatti e una storia che non prende, nonostante il solito Mickey Rourke che ormai fa sempre la stessa parte in qualunque periodo storico ambientino i suoi film. Certo, molto meglio di Hercules-la leggenda ha inizio, e una visione potrebbe pure meritarla, ma non aspettatevi niente di memorabile.


Anche qui la mitologia è rispettata poco o per niente. Ma ormai ho capito che è la norma, è un po' come lamentarsi che i film dei supereroi non abbiano le trame identiche ai fumetti da cui sono tratti.
Certo però che c'è differenza tra ispirarsi alla mitologia e rispettarne i canoni e i personaggi, o buttare lì una trama a cazzo usando nomi mitologici come nel caso della boiata di cui abbiamo parlato all'inizio.

I post su Ercole sono quasi finiti, rimane solo più la recensione dell'ultimo Hercules con The Rock - Dwayne Johnson... ovviamente, dopo che l'avrò visto! ;-)

Il Moro


4 commenti:

  1. Può essere solo quello seduto, perché gli altri sono Apollo, Hermes e Poseidone... anche se a rigore dovrebbe esserci il buon Ares, che ha i suoi 10 secondi di gloria prima di finire malissimo.

    RispondiElimina
  2. Grazie ai post su Ercole ieri mi sono visto "Le fatiche di Ercole" su un canale provinciale!
    Erano le due di notte: l'ho visto mentre scrivevo i post!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
;