martedì 20 maggio 2014

Godzilla 2014 - recensione, curiosità e amenità varie.

Salve a tutti, è Il Moro che vi parla!

Sì, sono andato a vedere Godzilla! E com'è? Bah, si può guardare.
 Ovviamente chi va a vedere  Godzilla non cerca profondità nella trama: vuole vedere i palazzi crollare. E qui ne crollano abbastanza. Non tanti, ma abbastanza. Vuole vedere wrestling tra mostri, sapendo che questo film si ispira non al primo Godzilla del '54 ma ai sui vari seguiti, nei quali un Godzilla "salvatore" combatte contro altri mostri più brutti di lui. E di wrestling tra mostri, in questo film, se ne vede in effetti meno di quanto pensavo, spesso da lontano sullo sfondo mentre seguiamo le vicende di umani talmente stupidi da rischiare di fare più danni dei mostri.



Sì, gli umani fanno praticamente tutto da soli, e la loro storia è quasi parallela a quella dei kaju. In pratica si mettono nei casini da soli con un piano per fermare i mostri che fa acqua da tutte le parti, e mentre i mostri si menano per conto loro gli umani devono rimediare alle loro stesse cazzate.
La trama sarebbe anche abbastanza ben narrata, con cose che si scoprono pian piano, ma il soggetto è comunque una mezza boiata e i personaggi sono l'altra mezza. I pochi attori degni di questo nome sono totalmente sprecati e per tutto il film seguiremo le vicende di un soldato americano così stereotipato da far venire la pecòla.
Certo, alla fine è un film di Godzilla, non è che vai a vedere Lars Von Trier, ma comunque un po' di sforzo in più in fase di sceneggiatura avrebbe giovato. Anche solo mantenere quasi la stessa trama ma senza quel bietolone americano a tutto schermo. E pure togliere la cretinata dell'orologio fermo non sarebbe stato male.
Ah, non l'ho visto in 3D ma non credo di essermi perso niente.
Però le scene di lotta e distruzione sono belle.



Va beh, basta cose serie e passiamo alle cazzate, và, che è ora.

Prima curiosità: Elizabeth Olsen e Aaron Taylor Johnson (il bietolone), che qui sono marito e moglie, saranno fratello e sorella nel prossimo Avengers. Si presume i due che si vedono alla fine di Capitan America - The Winter Soldier, e cioè quelli che dovrebbero essere i figli di Magneto ma non lo sono per problemi di diritti. Non che Quicksilver sia il mio personaggio preferito, ma immaginarlo con la faccia del bietolone... mah.

Gira voce che faranno anche il seguito di questa perla, visto che pare abbiano guadagnato più di quanto si aspettavano (e meritavano).

Il nome Gojira deriva dalla fusione tra il termine occidentale "gorilla" e "kujira" (balena). Pare fosse il soprannome di un dipendente della Toho, evidentemente non proprio un mingherlino.

Nel primo film Godzilla era alto 50 metri, aumentati con il passare degli anni. Qualcuno ha in effetti calcolato l'altezza che dovrebbe avere questa ultima versione raffrontandolo con i palazzi: tra i 120 e i 160 metri. Palazzi più alti, mostri più alti.


Qui a confronto con quelli di Pacific Rim, il mostro di Cloverfiel e qualche altro intruso.

Il film americano del 1998 è l'unico in cui Godzilla muore definitivamente.

I due Kaju presenti nel film, qui chiamati M.U.T.O. con una scelta non proprio felice, dovrebbero essere ispirati ai classici mostri Kamacuras e Rodan


Kamacuras



Rodan
Sarà, ma a me ricordano parecchio gli insettoni di Starship Troopers (di cui ho parlato qui e qui, ricordate?)




Separati alla nascita.
Girellando per internet ho trovato anche questo Gyaos, che forse ci somiglia di più.



Godzilla comparve anche nell'universo Marvel a fine anni '70. Ne parlò Doc Manhattan qui. Brutte cose.



Contando anche i due americani sono usciti in tutto ben 30 film su Godzilla. Certo che se ne devono inventare di cose per riempire trenta pellicole. E infatti...

Sapevate che Godzilla ha due figli adottivi? sì, adottivi. Niente femmine per il poveretto, padre single. Ovvio che sia sempre incazzato. Ne ha un altro ancora nella serie animata.


Il piccolo Minira. Se non mi avessero detto che è adottato non l'avrei mai capito.
Però in macchina sta buono, mette pure la cintura.
Una razza aliena che vuole conquistare la Terra, per sconfiggere Godzilla che a quanto pare preferisce gli umani agli alieni, non trova niente di meglio che costruirne una copia robotica dal nome Mechagodzilla. Il telecomando del robot verrà piazzato direttamente nel cervello della figlia dello scienziato che l'ha creato. Sono alieni, non pretendete di capire i loro ragionamenti.

Voglio uno spin off su Mechagodzilla diretto da Michael Bay.

Uno dei nemici più interessanti di Godzilla è Biollante, ottenuto dall'incrocio tra il DNA di Godzilla, quello di un umano e quello... di una rosa.


Biollante. Il DNA umano e quello di rosa si notano subito.
 Nell'ultimo film giapponese sul re dei mostri, Godzilla Final Wars del 2004, uscito in occasione dei cinquant'anni della serie, compaiono una quindicina di mostri diversi provenienti dai vecchi film, tra cui anche il Godzilla Americano del film di Roland Emmerich (sarebbe l'uovo che si vede nel finale). Ai giapponesi quel mostro lì sta sulle scatole, infatti viene sconfitto dal Godzilla giapponese in 13 secondi netti, lo scontro più breve della storia di Godzilla.



Se vi va, fate anche un giro sul mio post sui megamostri, scritto in occasione dell'uscita di Pacific Rim. E ricordate che tutti quanti glielo sucano all'Anabis (lo trovate sempre qui, ma se proprio volete qui c'è qualche informazione in più)

Il Moro

9 commenti:

  1. A me è piaciuto, ma sarebbe stato meglio con due piccoli accorgimenti:
    - tolta tutta quella retorica sulla famiglia, il bambino e buonismo assortito:
    - banditi tutti i fan di Godzilla, che si sono visti tutti i film e si sono sentiti in dovere di commentare ogni singola scena!
    E già che ci siamo, un attore protagonista più incisivo.
    Detto questo, sono stati i 3 euro meglio spesi al cinema, con almeno un paio di scene memorabili. E io sono uno che si annoia, quando iniziano a crollare i grattacieli, cosa che qui non è successa.
    Peccato che Edwards si sia fatto fagocitare dalla megaproduzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 3 euro? voglio anch'io il tuo abbonamento/tessera o quello che è... :-)
      Il Moro

      Elimina
    2. Era la settimana del cinema, che terminava il giorno in cui usciva Godzilla. Film a 3 euro, 3D a 5. Me lo sarei perso se non mi ci avessero trascinato!

      Elimina
  2. Anch'io ne ho parlato nella mia Zona (a proposito cosa ne pensi dei miei punti di vista?) e mi trovo d'accordo con quanto scrivi.
    Biollante era un kaiju interessante, ma però la pellicola in cui compare è orribile dal punto di vista della storia e della regia, non potrò mai dimenticare Godzilla che vola e quella sequenza nel bar/ristorante con gli uomini pesce.

    RispondiElimina
  3. Col film sono abbastanza d'accordo con te. Una cosa cui non ho accennato però sono le colonne sonore che ho trovato proprio bruttine, non so te.
    Fighissima tutta sta roba su Godzillone, non pensavo fosse così trashhhh xD (ho un'intolleranza per i film datati che abbondano di effetti speciali che non hai idea)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ne ho accennato neanch'io perché francamente manco me le ricordavo... :-)
      I vecchi film del re dei mostri per farsi quattro risate vanno sempre bene!
      Il Moro

      Elimina
  4. Purtroppo il film non l'ho visto, però il post mi è molto piaciuto.
    Hai fatto un'ottima ricerca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai com'è, ho tempo da perdere... ;-)
      Il Moro

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
;